La consegna dello scapolare a San Simone di Domenico Mondo a Matera

La chiesa a lato dell’ingresso di palazzo Lanfranchi è antecedente al palazzo. Sulla chiesa è stata infatti installata la fabbrica seicentesca del seminario, così che la facciata dell’edificio sacro appare oggi incastonata entro quella del palazzo. L’interno è un gioiello la cui antichità rispetto al corpo della costruzione barocca che la ingloba è testimoniata dai gruppi scultorei in pietra che abbelliscono ancora due cappelle. Colpisce il prezioso altare maggiore barocco che incornicia una bella pala di mano di Domenico Mondo, pittore che si distinse per abilità nel disegno e nell’illustrazione. Un talento che emerge nelle forme di questo dipinto, imbevuto dell’esperienza dell’artista nella bottega dell’ultimo Solimena. Il tema della rappresentazione è la consegna dello scapolare a San Simone Stock; tema che dà conto della dedicazione della chiesa alla Madonna del Carmine. Lo scapolare è una stoffa rettangolare forata al centro per essere indossata passando per la testa. Dopo la consegna al santo inglese, lo scapolare si legò al carisma dei carmelitani.

Sempre a Matera, su un pilastro della chiesa di San Pietro Caveoso c’è una curiosa rappresentazione della Vergine che la ritrae con un oggetto in mano, da cui scaturì l’appellativo popolare di “Madonna della borsetta”. La “borsetta” altro non è che un’ingenua traduzione grafica della versione laica dello scapolare. A differenza che per i religiosi, per i laici lo scapolare è costituito da due quadretti di stoffa legati da una doppia stringa: più facile da indossare anche come soprabito. Che la “borsetta” sia proprio lo scapolare è comprovato dalle anime purganti lambite dal fuoco al di sotto della Madonna sempre nell’affresco di San Pietro. Apparendo a San Simone, la Vergine aveva assicurato che chiunque avesse indossato lo scapolare con fede sarebbe stato preservato dall’inferno. Successivamente il culto si legò all’uscita anticipata delle anime dal purgatorio. Uno scapolare laico è tenuto tra le mani dell’angioletto in basso nel quadro del Mondo. Oggi, la tradizione dello scapolare va scemando tra gli adulti, ma resiste per i bambini, sempre più rari e preziosi nel nostro Paese.

Categories: Uncategorised

Unisciti alla community di Museide

Vieni a vivere nuove esperienze di viaggio e incontra tanti appassionati come te.
Scarica l’app di Museide dal tuo Store.