Fons ortorum

«In quel giorno vi sarà una fonte aperta»

~ Zaccaria 13:1-9

Il chiostro della foresteria era il perno del monastero poiché fa qui si dislocano vari percorsi che conducono ad aree specifiche. La faces architettonica è simile alla maniera di Giovanni Antonio Dosio che nel cinquecento aveva lavorato similmente anche alla Certosa di San Martino a Napoli. Una concatenazione di archi a tutto sesto, i cui piedritti sono alette affiancate alle semicolonne tuscaniche che sorreggono il fregio. Al di sopra del fregio il portico superiore interamente affrescato da Francesco De Martino dopo il primo decennio del seicento. Lussuose e variegate pitture paesaggistiche che servivano a deliziare il soggiorno di ospiti illustri. Al centro della corte la fontana marmorea del 1561.

Categories: Uncategorised

Unisciti alla community di Museide

Vieni a vivere nuove esperienze di viaggio e incontra tanti appassionati come te.
Scarica l’app di Museide dal tuo Store.