Auschwitz – marzo 2010

Il nome originario della cittadina in cui i tedeschi costruirono questo campo di concentramento era Oświęcim.
Con il nome di Auschwitz si identificano in realtà diversi campi sorti nella zona durante l’occupazione nazista. Ma sono tre i più conosciuti, due dei quali visitabili:
– Auschwitz I è il campo originario, un campo di concentramento, quello conosciuto per la scritta posta all’ingresso. Qui morirono circa 70 mila persone, per lo più intellettuali polacchi e prigionieri di guerra sovietici. Sempre qui, nel settembre del 1941 venne sperimentato per la prima volta il gas Zyklon B per l’uccisione di 850 persone… come è noto, poi venne utilizzato in larga scala per lo sterminio degli ebrei;
– Auschwitz II, o Birkenau (dal nome della cittadina a cui era vicino, in polacco Brzezinka), è il campo di sterminio vero e proprio, quello in cui è ancora possibile vedere i forni, quello conosciuto per il binario posto nel mezzo del campo. Qui morirono oltre un milione e centomila persone, in magfioranza ebrei, ma anche russi, polacchi, prigionieri di guerra, omosessuali, oppositori politici, testimoni di Geova e zingari;
– Auschwitz III, o campo di lavoro di Monowitz (in polacco Monowice), quello in cui fu rinchiuso Primo Levi.
Vi erano altri 45 sotto-campi, i cui prigionieri erano utilizzati dai tedeschi nelle loro fabbriche costruite nei dintorni.

Categories: Uncategorised

Unisciti alla community di Museide

Vieni a vivere nuove esperienze di viaggio e incontra tanti appassionati come te.
Scarica l’app di Museide dal tuo Store.